Pages Menu
TwitterRssFacebook
Categories Menu
A caccia di indizi: chi si somiglia si piglia

A caccia di indizi: chi si somiglia si piglia

Moltissime persone hanno un’inclinazione verso la psicologia e amano osservare comportamenti e atteggiamenti.

Lo fanno magari senza alcuna competenza tecnica e talvolta rischiano di andare decisamente fuori strada, ma a mio avviso è meritevole cercare di capire andando al di là delle apparenze, e in più queste persone spesso mostrano di avere un certo “naso”.

A loro dedico uno spunto di riflessione: è una analisi un po’ rudimentale ma capace di offrire validi indizi da approfondire magari poi con l’aiuto di un professionista.

Un modo di dire comune recita “chi si somiglia si piglia”, frase di estrazione popolare che può sembrare poco realistica perché il mondo è pieno di coppie felici con caratteri molto diversi, di estroversi che sono amici per la pelle di coetanei timidi e così via.

Ma la “vox populi” è saggia, e in effetti il vero collante dei rapporti nei quali ci si sente a proprio agio è soprattutto una sensibilità omogenea, una capacità di reciproca sotterranea comprensione, e ciò per lo più grazie ad esperienze esistenziali simili, magari sepolte nei ricordi dell’infanzia, delle quali non abbiamo consapevolezza. Una “atmosfera”, direi, esistenziale comune.

Certo se siete single convinti e avete già una certa età, è facile dire che avete in comune con i vostri molti amici single le stesse abitudini di vita e di impiego del tempo, ma se quello che avete profondamente in comune fosse invece la principale ragione per la quale siete single? Se cioè le problematiche che vi accomunano fossero molto più profonde e meno evidenti di quanto non sembri?

Se proviamo ad osservare l’insieme dei nostri amici più cari come un campione da analizzare, una o più tematiche esistenziali comuni potrebbero rivelarsi. E’ anche per questo che con loro “ci capiamo”.

Nelle persone che scegliamo di frequentare ci rispecchiamo, cioè letteralmente intravediamo nostre caratteristiche riflesse nell’altro (e persino qualcuna che abbiamo rimosso): prenderne nota può aiutare a diventare più consapevoli di ciò che veramente ci “guida” e motiva le nostre azioni e scelte in questo mondo.